robotica e meccanica Stampa
Scritto da paolo geroldi   
Martedì 24 Novembre 2009 16:21
...........................................................................................da completare............................................................................

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prima robotica o prima meccanica?

Storicamente prima meccanica!      Eppure, contradditoriamente, per i nostri bambini  prima la robotica.

Molto curiosamente infatti i bambini del terzo millennio "smanettano" alla grande con tutti i programmi informatici, compreso quelli di robotica, ma non sanno costruire con le mani semplici supporti ai loro robot.

 

 

 

Ho ritenuto quindi utile cercare di sviluppare anche l'abilità costruttiva e progettuale: in pratica la manualità e la creatività, entrambe sempre più trascurate o relegate ad una non meglio definita area virtuale.

La foto sopra mostra un'automobiina progettata dai bambini senza avvalersi dei piani della lego.  

Funziona ad energia solare. Nella foto sotto i bambini stanno costruendo un ritirapanni automatico.

 

 

 

 

 

 

 

Si tratta di un'invenzione estremamente importante....    La massaia stende i panni e poi se ne va tranquilla, perchè alle prime gocce d'acqua che cadono, il bicchierino pesa di più, preme sul sensore e il motore fa girare la puleggia che porta i panni all'asciutto.

 

Questo lavoro prevede:  1 pensare una soluzione al problema

                                            2 saper costruire un modello che funzioni

                                            3 saper programmare il robot

 

 

Questo esempio, di uno dei molti realizzati, ci consente di riflettere sull'utilità di questo lavoro. Il bambino si mette continuamente alla prova.  Creatività, manualità, abilità informatiche, ma anche costanza e autonomia.

 " Maestro va bene così?"  "Funziona?  Se funziona va bene, se non funziona non va bene. Non lo devi chiedere a me , forse puoi chiederlo al robot"

Credo che l'informatica in generale e la robotica in particolare possano essere attività che mettono i bambini di fronte ai problemi , permettendo contemporaneamente all'insegnante quell'equilibrio tra presenza e assenza che rende l'apprendimento solido e profondo.

Sufficientemente presente per far risparmiare tempo al bambino, sufficientemente assente per assicurare che l'esperienza sia vera e vissuta direttamente dal bambino

 

 

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 25 Dicembre 2009 21:26